Written by 3:53 pm Psicologia

La figura dello psicologo migliora ma gli italiani lo vorrebbero a scuola

“Per il 42% degli italiani l’immagine degli psicologi è migliorata negli ultimi dieci anni e più di 4 italiani su 10 si sono rivolti per se o per un componente della famiglia alla figura dello psicologo”. È quanto emerge dall’analisi realizzata dall’Istituto Piepoli sul ruolo degli psicologi in Italia, in occasione del trentennale della regolamentazione della professione. Secondo lo studio, gli italiani che si rivolgono agli psicologi lo fanno per il 35% in una struttura pubblica e per il 47% in una privata. Il 43% dei 2.000 intervistati ritiene che il costo delle prestazioni dovrebbe variare in base al reddito e il 30% sostiene, invece, che dovrebbero essere sempre gratuite. I motivi per cui ci si rivolge allo psicologo sono diversi: per affrontare meglio la vita quotidiana (60%), a causa delle difficoltà a relazionarsi con figli e familiari (52%), o per disturbi psichici e comportamentali (56%). Tra le note negative è da sottolineare la rilevazione per cui, sul campione preso in esame, il 65% degli uomini e il 72% delle donne non ha mai sentito nominare i Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). La figura professionale dello psicologo viene vista come solutrice di problemi, capace di promuovere il benessere psicologico (84%) e di offrire sostegno a scuola (80%). Ed è proprio la scuola il luogo dove la maggioranza degli intervistati, 6 su 10, vorrebbe una più forte presenza degli psicologi. Inoltre, l’84% definisce ‘molto o abbastanza fondamentale’ il supporto da parte degli psicologi in caso di violenza su donne, bambini e anziani. 

(Visited 3 times, 1 visits today)
Tag:, Last modified: Marzo 5, 2021
Close